Home Attualità Ritorna “Quelli che la danza”, artisti in scena tra Salerno e Mercato...

Ritorna “Quelli che la danza”, artisti in scena tra Salerno e Mercato San Severino.

1171

Da Marzo a Maggio la rassegna dei linguaggi della danza contemporanea è ospite all ‘Auditorium Centro Sociale di Salerno e al Teatro Comunale di Mercato San Severino.Giunta alla quarta edizione, Quelli che la danza propone un cartellone di spettacoli ricco di artisti provenienti da tutta Italia.

L”inaugurazione avviene a Salerno, in data 11 Marzo, con  Body Moods: Which one is yours? di BorderlineDanza, compagnia diretta da Claudio Malangone. Body Moods è un viaggio attraverso la natura dell’interiorità umana, un viaggio in cui la meta è scoprire, attraverso la sintomatologia, cosa accade agli uomini quando essi sono dominati da uno dei quattro temperamenti della Teoria Umorale di Ippocrate. La sera successiva è la volta di Alcesti (o del suono dell’addio), produzione della compagnia torinese Zerogrammi di Stefano Mazzotta. Alcesti, come è noto, sacrifica la propria vita per salvare Admeto, suo marito e re. Questo progetto indaga le verità che restano dopo l’estrema abnegazione della donna.

Gli appuntamenti di Aprile vedono impegnati Asmed e Balletto di Sardegna in Dream Boat, con coreografie e regia di Joseph Fontano, nella sera del 15. La nave dei sogni è la possibilità di cambiare o ritrovare se stessi, attraverso l’orizzonte della cultura di massa. Il sedici aprile vanno in scena Io sono mia madre, produzione Muxarte, coreografie e interpretazione di Giuseppe Muscariello. Io sono mia madre mette in scena come l’assenza possa rivelarsi in presenza attraverso il ricordo e di come la presenza possa trasformarsi in essenza attraverso la danza. In scena nella stessa serata è Horizon di Manfredi Perego, autore e interprete dello spettacolo, prodotto da Manfredi Perego L’orizzonte è pura astrazione, una linea che è percepibile ma immaginaria, che in realtà non esiste ma che è visibile; ciò che esiste all’interno dell’immaginazione è forse meno reale di ciò che esiste all’esterno? Horizon sperimenta come un corpo reale può misurarsi con l’irreale.

La rassegna termina il 6  e 7 Maggio rispettivamente con Re-garde, opera di Francesco Colaleo, accompagnato nella rappresentazione da Maxime Freixas, prodotto da Expo-Rete Anticorpi XL, spettacolo in cui il senso della vita è il protagonista insieme a due uomini impegnati nell’affermazione di sè stessi, e Mit Affekt di VersiliaDanza, idea, regia e coreografia di Angela Torriani Evangelisti, affiancata nell’interpretazione da Leonardo Diana. Mit Affekt nasce dal desiderio di voler dare forma ad una ispirazione della coreografa ricevuta da Susanne Linke, grazie a una collaborazione avvenuta anni addietro. Gli affetti travalicano il tempo, rievocano l’esistenza in una chiave infinita.

Diversa la programmazione a Mercato San Severino che prevede quattro spettacoli: Il primo di essi è Aesthetica – Esercizio n°1, della compagnia Korper, con coreografia di Gennaro Maione e Gennaro Cimmino in scena al teatro comunale il 17 Marzo. Aesthetica- Esercizio n°1 indaga la società in cui la presentazione del proprio corpo è l’unico manifesto riconosciuto, in cui soltanto ciò che scorre al di sopra interessa. Il 14 Aprile è protagonista Ananke, coreografie di Lorand Zachar per Palermo in danza: Ananke è la dea greca che incarna il Fato, di ciò che deve verificarsi. In filosofia Ananke è ciò che è lecito si verifichi secondo natura, è necessità. Attraverso la figura di Diogene si avvia la missione di voler sfatare ogni falsa verità, di costituire una realtà. È poi la volta di Excursus con Studio per pulsazioni di Ricky Bonavita. Un’opera che nasce da “un’ emergenza educativa”, citando Benedetto XVI, quella della cultura classica alla quale si viene sempre meno istruiti. Studio per pulsazioni si propone di mostrare quanto sia importante ereditare dal passato per plasmare il presente. La chiusura della rassegna al Teatro Comunale avviene con Re-garde di Francesco Colaleo, in scena il 5 maggio, oltre che il 6 a Salerno come già citato.

Per maggiori informazioni: http://www.danzateatro.net/_cdtm/

Giada Ruoppo