Paco-Decina-La-douceur-de-la-rosée

L’ottava edizione del Napoli Teatro Festival Italia porta a Napoli 12 spettacoli di danza divisi tra il programma del NTFI e il Fringe.

Paco Décina, napoletano residente ormai da anni a Parigi presenta La douceur permeable de la rosée lavoro con il quale aprirà la manifestazione il 3 giugno (con repliche il 4 e 5 sempre alle 21,30) nella Piazza d’Armi di Castel Sant’Elmo, imponente costruzione medioevale con una visuale di 360° sulla città di Napoli.  L’8 e il 9 giugno alle 21,30, sempre al Castel Sant’Elmo, andrà in scena la compagnia catalana La Veronal con Russia di Marcos Morau seconda capitolo di un percorso artistico sui luoghi simbolo di sentimenti dell’animo umano (il primo lavoro s’intitolava Mosca, il secondo Islanda, il terzo Siena).
La Fura dels Baus (13 giugno ore 22,30 Mostra d’Oltremare) debutta per la prima volta al NTFI con Afrodita Y el juicio de Paris, spettacolo in cui la danza incontra il digitale in linea con le più attuali tendenze creative.
Tornano invece al Festival, dopo il successo dell’anno scorso con Addio alla fine, Emio Greco e Pieter Scholten con il nuovo lavoro Extremalism – Il corpo il rivolta (18 e 19 giugno al Mercadante ore 21,30): 30 danzatori, 24 del Ballet National de Marseille (di cui Emio Greco è diventato direttore artistico l’anno scorso) e 6 dell’ ICKamsterdam.

Altra novità il Ballet Black, compagnia inglese formata da danzatori afrodiscendenti che presenterà due coreografie: a Dream Within a Midsummer Night’s Dream e Second coming.

Infine il 22 e il 23 giugno al teatro Mercadante andrà in scena Radioscopies cortometraggio scenico, della coreografa belga Michèle Noiret che, tra il 2013 e il 2014, ha conquistato il pubblico e la critica di tutta Europa con Hors-champ.
I titoli di danza di E45 Fringe Festival che vanno ad arricchire quelli del cartellone principale sono: Franca mente regia e coreografia di Elisa Pagani, compagnia DNA Associazione Culturale DaNzA; Pinball coreografia Sonia Di Gennaro, compagnia Movimento Danza di Gabriella Stazio; Dance Peas della Compagnia Figs in Wigs; Arie di carta Compagnia Associazione Il Filo di Paglia, coreografia di Maria Carpaneto e Ivana Petito che ne sono anche interpreti; Le città invisibili, Compagnia Associazione Arabesque/ARB Damce Company coreografia di Roberta De Rosa; Volver compagnia Babel Crew, coreografia Giuseppe Provinzano.

Manuela Barbato

info e biglietti:

www.napoliteatrofestival.it 
info@napoliteatrofestival.it
tel. +39 081 19560383