La Rassegna Estate Sforzesca e il Gran Galà delle Accademie di Danza.
La Rassegna Estate Sforzesca e il Gran Galà delle Accademie di Danza.

MILANO – La Rassegna Estate Sforzesca (http://www.ecoteatro.it/estatesforzesca) si arricchisce di danza, tanta danza. Lunedì 29 giugno 2020 ore 21:00, si torna nel Cortile delle Armi del Castello Sforzesco di Milano per il Gran Galà delle Accademie di Danza promosso dall’Associazione Muse Solidali.

L’iniziativa

Una quarantina di coreografie, supportate da musiche coinvolgenti, in uno spettacolo tecnicamente di alto livello che abbraccia le varie discipline della danza: classico, contemporaneo, moderno, spingendosi sino alle danze folk .
Un’emozionante produzione che coinvolge alcune importanti Accademie di danza e vede protagonisti più di cento giovani allieve e allievi che, con la gioia di tornare a ballare in pubblico, si alterneranno sull’incantevole palco milanese, nel rispetto totale del piano di riapertura e delle norme Anti-Covid19.

Gli ospiti

Si esibiranno, inoltre, in qualità di ospiti: Greta Mazza e Akos Barat
presentando Notturno su musica di Chopin, con le coreografia Elena Gigliucci. Lo spettacolo sarà presentato da Dania Cericola, celebre doppiatrice.

Le Accademie partecipanti

Accademie che parteciperanno alla serata:

ACCADEMIA UCRAINA DI BALLETTO diretta da Caterina Calvino Prina;

IL CENTRO DI FORMAZIONE AIDA (Associazione Insegnanti Danza Accademica) di Marisa Caprara;

ARTEKA diretta da Barbara Palumbo;

GENS D’YS – ACCADEMIA DANZE IRLANDESI diretta da Umberto Crespi;

MOTUS VITAE ACADEMY diretta da Elena Gigliucci.

Info e dettagli

Quando: lunedì 29 giugno 2020 dalle ore 21:00 alle 23:00

Dove: Cortile delle Armi del Castello Sforzesco – Piazza Castello – Milano

Costo biglietto: 10 euro + prevendita galadanza@ecoteatro.org.

La Rassegna Estate Sforzesca all’insegna della danza!

Iscriviti alla Newsletter


Luigi Aruta
Danzatore, docente di danza e chinesiologo. Opera come performer e giovane autore in Borderline Danza di Claudio Malangone e collabora come danza-educatore con enti e associazioni. Attivo nel campo della ricerca pedagogico-didattica, porta avanti un'indagine sui vantaggi della danza come dispositivo di adattamento cognitivo e sociale.