NAPOLI – E’ inutile negare che tra tutte le forme dello spettacolo teatrale, la danza è l’arte che più ha sofferto del lockdown da Covid 19. La danza vive del corpo nello spazio e  del contatto tra danzatori, e le nuove regole di sicurezza penalizzano tutto ciò… ma ragionevolmente non se ne può fare a meno! Per questo motivo è veramente importante accogliere come una grande novità il ritorno in scena, domani alle 21, della Compagnia di ballo del Teatro di San Carlo nello spazio all’aperto del Castello di Baia.

La coreografia del Balletto del San Carlo rientra nel progetto Regione Lirica

Lo spettacolo rientra in Regione Lirica progetto sostenuto dalla Regione Campania che tende a valorizzare siti storici. Si tratta, infatti, di uno dei luoghi più suggestivi e ricchi di storia della Campania e sarà uno sfondo meraviglioso per il debutto delle Quattro stagioni di Vivaldi coreografate dal direttore della compagnia, Giuseppe Picone.

La creazione di Vivaldi, op. 8, quattro concerti per violino solista e orchestra da camera d’archi, fu pubblicata ad Amsterdam nel 1725 e dedicata al conte Wenzel Von Morzin. Vivaldi li compose forse nel decennio precedente ma li riunì nella raccolta di dodici concerti ll Cimento dell’Armonia e dell’Invenzione.

Il combattimento tra armonia e invenzione

Il titolo della raccolta sulla quale danzerà la Compagnia di balletto del Teatro di San Carlo allude al combattimento tra l’armonia (la ragione) e l’invenzione (l’immaginazione) una tematica importante nella musica barocca che per prima, elaborando la “teoria degli affetti”, si poneva l’obiettivo di emozionare attraverso la sola musica a prescindere dalla parola. Infatti le Quattro stagioni sono un esempio di musica “a programma” in quanto è quasi descrittiva nel caratterizzare sonoramente le diverse stagioni climatiche.

Spesso i coreografi che hanno scelto questa partitura l’hanno interpretata come metafora del passare delle stagioni della vita e come gioco sul passare del tempo. Tra le principali versioni coreografiche si ricorda quella di Léonide Massine per il Teatro alla Scala di Milano del 1949 e la successiva, sempre per la compagnia milanese, di Roland Petit nel 1963.

Quale sarà la scelta del coreografo Picone che danzerà egli stesso insieme alla compagnia? Abbandonarsi alla descrittività musicale o interpretare il senso dell’opera? Le indicazioni programmatiche non sono espresse dal comunicato stampa, ed è meglio così: il pubblico avrà maggiore curiosità nell’assistere allo spettacolo.

Il programma del 18 luglio

LE QUATTRO STAGIONI  Musica di ANTONIO VIVALDI – Coreografia di Giuseppe Picone – Costumi | Giusi Giustino – Luci | Nunzio Perrella

 Interpreti

Il Vento GIUSEPPE PICONE

La Primavera: Primo Tema | Allegro GIOVANNA SORRENTINO, LUANA DAMIANO, FERDINANDO DE RISO, FRANCESCO LORUSSO; Secondo Tema | Largo VALERIA IACOMINO, GIUSEPPE CICCARELLI, OTTAVIA COCOZZA DI MONTANARA, NATALIA MELE, MARCO SPIZZICA, MARCELLO PEPE; Terzo Tema | Allegro mosso SARA SANCAMILLO, STANISLAO CAPISSI

L’Estate: Primo Tema | Allegro non molto ANNA CHIARA AMIRANTE, ALESSANDRO STAIANO; Secondo Tema | Adagio ADRIANA PAPPALARDO; Terzo Tema | Presto GIUSEPPE PICONE

 L’Autunno: Primo Tema | Allegro CLAUDIA D’ANTONIO, SALVATORE MANZO; Secondo Tema | Adagio VALENTINA VITALE, FABIANA ISOLETTA, MASSIMO SORRENTINO, GIANLUCA NUNZIATA; Terzo Tema | Allegro CANDIDA SORRENTINO, ERTUGREL GJONI

L’Inverno: Primo Tema | Allegro non molto MARTINA AFFATICATO, CARLO DE MARTINO; Secondo Tema | Largo ANNALINA NUZZO; Terzo Tema | Allegro LUISA IELUZZI, DANILO NOTARO

Balletto del Teatro di San Carlo, Nuova creazione del Teatro di San Carlo

Iscriviti alla Newsletter

Roberta Albano
Docente di danza classica abilitata all’Accademia Nazionale di Danza di Roma, critico di danza, studiosa e docente di storia della danza, autrice di saggi e monografie sulla danza. Ballerina professionista fino al 1982, è laureata al DAMS dell’Università di Bologna in “Semiologia dello Spettacolo”. Dal 1990 al 2014 è vicedirettrice dell’associazione Movimento Danza di Gabriella Stazio. E’ inoltre socio fondatore di AIRDanza - Associazione Italiana per la Ricerca sulla Danza.