Torna al Teatro Ponchielli di Cremona la Gauthier Dance, compagnia diretta da Eric Gauthier e fiore all’occhiello tra le compagnie di danza tedesche, in scena l’11 febbraio con Nijinski, balletto a serata intera firmato dal tedesco Marco Goecke, pluripremiato coreografo residente dello Stuttgart Ballet e coreografo associato del Nederlands Dans Theater a The Hague. Lo spettacolo, che ha riscosso unanime consenso di critica e pubblico la scorsa estate al Festival Bolzano Danza e che ha debuttato a Stoccarda nel giugno 2016 con scene e costumi di Michaela Springer e drammaturgia di Esther Dreesen-Schaback, storici collaboratori di Goecke, è ispirato alla vita di Vaslav Nijinskij, danzatore-leggenda del XX secolo, qui magistralmente interpretato dal danzatore italiano Rosario Guerra, e tocca tappe significative della sua vita dentro e fuori dal palcoscenico, mostrando la correlazione tra arte e follia. Tuttavia Goecke non racconta propriamente la storia biografica di Nijinskij, una storia strettamente legata ai Balletti Russi di Diaghilev, ma intende riflettere, attraverso la vita di questo straordinario artista, sulla magia e sul valore dell’arte, e sul prezzo elevato questa esige da tutte le menti creative. “Non ho pensato ad un balletto narrativo in senso tradizionale: io sono un coreografo “di passi” e amo mantenere una mia visione fatta anche di libertà, astrazione, visionarietà” ha dichiarato Goecke. “Non sono interessato a riprodurre le sontuose atmosfere scenografiche dei Ballets Russes, piuttosto a generare bellezza dal movimento e dall’aspetto emozionale che esso può scaturire”. Sul palco i sedici danzatori della compagnia: Garazi Perez Oloriz, Anna Süheyla Harms, Rosario Guerra, Anneleen Dedroog, Sandra Bourdais, Maurus Gauthier, Luke Prunty, Alessio Marchini, David Rodríguez, Alessandra La Bella, Nora Brown, Francesca Ciaffoni, Jonathan dos Santos, Réginald Lefebvre, Barbara Melo Freire, Theophilus Veselý.

Angela Lonardo

Iscriviti alla newsletter di Campadidanza