image

BERLINO – Eldon Pulak, nato a Saskatoon in Canada, ha iniziato a soli sei anni a studiare danza presso una scuola ucraina della sua città. Ben presto danzare è diventata la sua vera passione, tanto che tra le molte altre attività extra curricoli che praticava, come l’hockey e la musica, la danza è la disciplina che più delle altre ha catturato la sua attenzione. Ha proseguito i suoi studi presso la Royal Ballet School di Winnipeg in Canada e ha poi continuato a danzare con il Balletto di Alberta a Calgary. Per ampliare le sue conoscenze, ha anche esplorato la tecnica contemporanea. Ha, infatti, danzato con il Saskatchewan Contemporary Ballet a Saskatoon e con José Navas/Compagnie Flak a Montréal, nonché con molti noti coreografi canadesi come Shaun Hounsel di Les Grands Ballets Canadiens e Giordania Morris del Royal Winnipeg Ballet of Canada. In occasione della visita in Canada di Elisabetta II d’Inghilterra per la celebrazione della provincia di Saskatchewan, ha danzato come ballerino solista, ospite della Regina.

Quando sei venuto in contatto con la danza per la prima volta?

Il mio primo contratto è stato con il Balletto Alberta a Calgary. Era il 1999 e avevo 19 anni. Era il primo anno dopo i miei studi presso la Royal Ballet School di Winnipeg, per cui ero ancora un allievo all’interno della compagnia. Per me è stata un’esperienza allo stesso tempo emozionante e di grande tensione. Inizialmente ero intimidito davanti a ballerini e artisti di gran talento, ma poi mi sono man mano sentito sempre più a mio agio nell’ambiente, ed è stata proprio la capacità di trovarmi tra loro che mi ha spinto a migliorare e a farmi crescere sia tecnicamente che artisticamente.

Cos’è che ti ha spinto a perseverare in questa passione e a renderla una parte così importante della tua vita?

Penso di aver avuto una passione per la danza fin da quand’ero molto piccolo, in sostanza, fin da quando ho cominciato all’età di sei anni. Ricordo ancora come mi divertivo ad ascoltare la musica tradizionale ucraina, cosa che faccio ancora oggi. Mi ha dato tanta energia e lo stimolo per trasferirmi. Mi piaceva tantissimo anche esibirmi per le persone, fosse anche soltanto a casa di qualcuno o nella mia scuola per i miei insegnanti e compagni di classe. Ero davvero impaziente di ballare!

Quali sono le esperienze più belle e la più grande soddisfazione che la danza ti ha dato?

Credo di aver capito che danzare potesse essere per me anche una professione quando avevo circa 16 anni. Iniziai a studiare più intensamente danza classica e a fare audizioni per ballerini professionisti. Alcune scuole pensavano che fossi troppo grande per iniziare la formazione classica e non mi accettarono, ma alcuni evidentemente videro in me un certo potenziale, per cui mi ammisero nei loro programmi. Ritengo che la danza mi abbia permesso di viaggiare e di incontrare tante persone belle e interessanti. Mi ha fornito una base per una vasta gamma di esperienze di vita. Dall’allenamento quotidiano e dal prendere lezione all’emozione di aprire spettacoli notturni e anteprime, sono molto soddisfatto di tutti gli impegni che la danza comporta. Sento che è un privilegio avere l’opportunità di trascorrere tanto tempo in sala: dove lavoro, faccio prove e tento creazioni. Accadono tante cose interessanti in sala. I momenti di creazione – quando si arriva a un punto in cui tutto il lavoro appare chiaro, o quando si ha una nuova prospettiva dell’insieme – sono davvero molto speciali e gratificanti.

Perché ti sei trasferito a Berlino?

Mi sono trasferito a Berlino a causa di una forte spinta istintiva che avvertivo dentro me. Avendo visitato la città un paio di volte, mentre ero in vacanza, avevo colto una atmosfera speciale. Era aperta, accogliente e potenzialmente un buon posto in cui vivere. Prima di trasferirmi a Berlino avevo vissuto solo in Canada. Avevo già visitato l’Europa e in parte l’Asia mentre ero in tour con le compagnie per cui ho lavorato, ma non avevo ancora vissuto al di fuori del mio Paese. Sentivo che sarebbe stata una buona esperienza di vita trasferirmi in un posto nuovo e sperimentare un’altra cultura. Avendo trovato Berlino così interessante, ho raccolto alcune delle mie cose e ho fatto questo passo senza conoscere nessuno. Non avevo alcuna aspettativa se non la consapevolezza che mi sarei trovato in un giro, che giudicavo molto interessante!

Puoi dirmi qualcosa del tuo ultimo lavoro “The Wetting Party “?

“The Wetting Party ” è la prima produzione integralmente mia, che sto ancora adesso ultimando. Le ballerine, Sofia Pintzou e Marion Sparber, sono molto coinvolte in questo processo. La musica originale dal vivo sarà suonata dall’amica e collega Rona Geffen. Preferisco non dire troppo sulla coreografia, per non sminuire lo slancio col quale si è chiamati a viverla. Posso dire soltanto che tre individui s’incontrano regolarmente per sperimentare qualcosa di sacro e anche in potenza autodistruttivo – l’uno contro l’altro in modo compulsivo.

Come vedi il tuo futuro nella danza?

Non sono del tutto sicuro di quello che sarà il mio futuro nella danza. Suppongo di non averlo mai veramente saputo in tutta la mia carriera, mi sono limitato a vivere ciò che sentivo proprio in quel momento. Poiché mi è sembrato giusto e ha funzionato sono andato in quella direzione. Ho apprezzato molto il processo creativo del “The Wetting Party” e vorrei continuare ancora con questo tipo di lavoro. Mi ha sfidato a livelli che vanno al di là dell’essere ballerino e coreografo. Ha messo alla prova la mia pazienza, il mio coraggio e la mia fiducia nell’essere coerente a una visione interiore e a consentirle di manifestarsi. Mi ha permesso di andare più a fondo e trovare ciò che la danza e la performance possono essere per me.

Iscriviti alla Newsletter