Clash!

ROMA – Dall’8 al 13 dicembre 2020 si terrà il CLASH! International Festival-The Hybrid in Dance Models, between Classic and Contemporary. Per sei giorni, eventi interamente dedicati alla danza verranno trasmessi dalle ore 18,00 (fuso orario italiano) sul sito ufficiale clashproject.eu.

Screendance performance e talk costituiscono un programma unico online; creato e prodotto dai sei partner europei coinvolti nel progetto Clash!-When Classic and Contemporary Dance Collide and New Forms Emerge. Il progetto è promosso dal Balletto di Roma (Italia) e co-finanziato dal Programma Europa Creativa dell’Unione Europea. Il programma è stato presentato con una conferenza stampa online alla quale hanno partecipato: Luciano Carratoni (General Manager Balletto di Roma), Vaclav Kunes(Direttore artistico 420PEOPLE), Ana Macara (General Manager Derida Dance Center/Art Link Foundation), Francesca Magnini (Direttore artistico Balletto di Roma), Letizia Gioia Monda (Professore Università La Sapienza), Iwona Pasinska (Direttore Polish Dance Theatre).

CLASH!

Il Festival presenterà un calendario condiviso di eventi per mostrare i risultati delle investigazioni pratiche condotte durante lo scambio europeo tra partner del progetto dal 2018. Coordinato dalla Sapienza Università di Roma (Italia), ogni giornata del CLASH! International Festival sarà curata da una delle cinque compagnie di danza-partner. Balletto di Roma (Italia); 420PEOPLE (Republblica Ceca); Companhia de Dança de Almada (Portogallo); Derida Dance Center / Art Link Foundation (Bulgaria); Polski Teatr Tanca/ Polish Dance Theater (Polonia).

Ogni giornata sarà incentrata su un particolare tema esplorato nel corso del progetto. Argomenti quali l’audience development, il training del danzatore, la diplomazia culturale nell’ambito della danza, e i processi creativi coreografici saranno trattati durante il programma strutturato. Permettendo, così, agli utenti di interagire e dialogare con coreografi, pedagoghi della danza, ed altri esperti relatori ospiti.
Ogni giornata del festival terminerà con la performance di un’opera di videodanza creata per l’occasione da ogni partner.

La pandemia come opportunità

Nato prima della pandemia, il CLASH! International Festival ha dovuto affrontare durante la sua realizzazione la nuova complessità del presente. Dall’idea originale di un evento itinerante nelle nazioni europee coinvolte nello scambio, il Festival si è trasformato – nella forma ma non nello spirito – inaugurando spazi digitali per la discussione, lo scambio e lo studio. Un’evoluzione inaspettata che ha fatto sì che dall’impedimento emergesse un’opportunità per promuovere ulteriori sviluppi nelle aree di ricerca.
La natura ibrida del CLASH! International Festival rappresenta un modo per guardare al nostro tempo attraverso la danza usando nuove lenti virtuali capaci di espandere le visioni e le prospettive.

Lo scopo è discutere l’impatto della pandemia sul mondo dello spettacolo. Perciò, l’ultimo giorno del festival sarà dedicato allo scambio di visioni sul ruolo che la digitalizzazione può svolgere per preservare l’attualizzazione delle produzioni coreografiche; e sulle opportunità di finanziamento che i programmi europei forniranno per sostenere coloro che praticano l’arte della danza. Verrà infine trasmessa un’opera di videodanza creata dal team della Sapienza Università di Roma sui processi creativi ibridi che i partner di progetto hanno attuato per adattare le loro pratiche analogiche in artefatti digitali.

Il programma

Ogni giornata del Festival inizierà alle 18,00 e sarà introdotta da una breve presentazione sul tema dell’evento da un rappresentante dei partner del progetto CLASH!.

8 dicembre
Evento curato da 420PEOPLE (Repubblica Ceca)
Tema: Sviluppo del pubblico. L’impatto positivo della pandemia sul rapporto con il nostro pubblico.

9 dicembre
Evento curato da
Polski Teatr Tańca (Polonia)
Tema: Formazione ottimale per ballerini contemporanei e coinvolgimento del pubblico nella quotidianità del danzatore.

10 dicembre
Evento curato da
Balletto di Roma (Italia)
Tema: Formazione ibrida per i ballerini di oggi e nuove strategie di percorso di formazione.

11 dicembre
Evento curato da
Derida Dance Center / Art Link Foundation (Bulgaria)
Tema: Diplomazia culturale come strumento per risultati migliori prima e dopo la nuova normalità.

12 dicembre
Evento curato da
Companhia de Dança de Almada (Portogallo)
Tema: Processi creativi.

13 dicembre
Evento curato da
Sapienza Università di Roma (Italia)
Tema: CLASH! Esperienza: lezioni apprese, nuovi percorsi e prospettive.

Iscriviti alla Newsletter


Mariavittoria Veneruso
Ballerina, performer e giornalista pubblicista interessata a divulgare la storia e le teorie della danza. Laureata in Discipline della Musica e dello Spettacolo all’Università Federico II di Napoli.