Antonio Desiderio è manager di eventi di opera lirica e balletto presso  i teatri più importanti del mondo, dal San Carlo di Napoli fino al Bolshoi di Mosca, prima che il mondo dello spettacolo dal vivo chiudesse a livello planetario, causa Covid19, aveva prodotto uno spettacolo su uno dei balletti più importanti del repertorio classico, “Il Lago dei Cigni”, con il quale aveva realizzato, con enorme successo, una tournée in tutta la Cina nel 2019.  Dopo un anno di crisi del settore lo incontriamo per farci raccontare le sue prossime iniziative.

La collaborazione con l’Accademia Giuditta Pasta

Nel mese di marzo è stato protagonista di una serie di incontri culturali organizzati su Zoom per il Liceo Musicale e Coreutico Giuditta Pasta, strettamente connesso all’Accademia Giuditta Pasta, unico nella provincia di Como, è il terzo liceo coreutico attivo in tutta la Regione Lombardia. È stato istituito nell’anno scolastico 2013/2014 in base alla riforma dei Licei e vede uno stretto rapporto di collaborazione con l’Accademia Nazionale di Danza di Roma e con il Conservatorio di Como. In collaborazione con la direttrice Roberta Di Febo e alla docente di Storia della Danza Ambra Lo Turco, Antonio Desiderio ha analizzato la struttura e la storia dei principali ballet blanc.

Special Guest del Dance Open America Miami Festival

Da anni lei collabora con il Dance Open America Miami Festival, in cui è stato invitato come special Guest in giuria, che si è svolto dal 18 al 21 marzo, ci racconti come è andata.

“L’iniziativa, per il primo appuntamento di marzo, si è svolta online con selezioni internazionali. La Giuria era composta da personalità del tenore di Viviana Durante, Etoile e Direttrice dell’English National Ballet di Londra, Julio Bocca, Star mondiale dell’American Ballet Theatre di New York, Jose Manuel Carreno, Stella dell’American Ballet Theatre di New York, Samantha Dumster, Assistente alla Direzione Artistica del Pennsylvania Ballet, il coreografo internazionale Garren Smith, l’italiano Gino Labate, Direttore e Coregrafo Internazionale, Kumiko Noshiro, Direttore dell’International Ballet School di Monaco di Baviera, Pedro Carneiro, Direttore Artistico dell’International Ballet School di Monaco di Baviera, Maria Torija, Direttore del Ballet Met Academy, Philip Neal, Direttore Artistico del Next Generation Ballet e del Conservatorio Patel dello Straz Center, Claudio Munoz, Ballet Master dell’Accademia di Houston, Dirk Bandenhorst, Ceo del South Africa International Ballet Competition. Per la categoria coreografi emergenti, prima classificata è stata Mariana Rodriguez con Termagant, Shane Urton con Essential e terzo Alexander Guzman con OUT OF your head. Il Grand Prix March 2021 è stato assegnato a Tara McCally, il premio per il miglior passo a due classico è andato con Schiaccianoci a Alexander Alvarez e Breanna Justus e, per la danza contemporanea, alla coppia Tara McCally e Madison Taylor. Sono state organizzate Masterclass per tutti i partecipanti e Conversation with the Stars, incontri con Julio Bocca, Yanela Pinera e Osiel Gouneo. Per maggio è in programma una selezione a Taiwan e a novembre una edizione in presenza a Miami.”

Come sta vivendo questa lenta ripresa?

“Non è un momento facile per l’organizzazione di spettacoli ed eventi legati alla danza. – ci ha detto Desiderio – Per allestire un balletto o anche un Galà c’è bisogno di molto anticipo perché i ballerini, dopo un anno di quasi totale inattività, hanno bisogno di tempo per ritornare in forma. Inoltre si devono fornire certezze agli operatori, non basta la speranza che d’estate si possano aprire spazi e arene all’aperto: chi organizza investe e non può rischiare un’improvvisa chiusura o spostamento di date”.

Quale sarà la prossima iniziativa?

“Sarà un’iniziativa a modalità mista legata alla formazione per permettere ai giovanissimi di riprendere soprattutto attraverso lo studio qualificato. L’8 maggio ci saranno su piattaforma Zoom due Masterclass in collaborazione con la Escuela Cubana, con Leandro P. Sanabrie, per il classico, e Odemys Torre, per il contemporaneo. Questa esperienza darà la possibilità di essere selezionati per partecipare all’edizione del Cooking Dance Festival che si svolgerà in presenza dal 28 giugno al 24 luglio a Barcellona. Si tratta di un corso intensivo con il Cuballet Barcellona e con il Cooktemporary Dance. Il periodo sarà arricchito da attività parallele come conferenze, mostre fotografiche danza scultura ed esibizioni all’aperto con un Gran Galà finale.”

Iscriviti alla Newsletter

Docente di danza classica abilitata all’Accademia Nazionale di Danza di Roma, critico di danza, studiosa e docente di storia della danza, autrice di saggi e monografie sulla danza. Ballerina professionista fino al 1982, è laureata al DAMS dell’Università di Bologna in “Semiologia dello Spettacolo”. Dal 1990 al 2014 è vicedirettrice dell’associazione Movimento Danza di Gabriella Stazio. E’ inoltre socio fondatore di AIRDanza - Associazione Italiana per la Ricerca sulla Danza.