Home Attualità T*Danse Danse et Technologie – Festival Internazionale della nuova danza di Aosta

T*Danse Danse et Technologie – Festival Internazionale della nuova danza di Aosta

317

AOSTA – Il Festival T*DANSE si propone di portare in Valle d’Aosta uno sguardo sulla scena contemporanea in una settimana di spettacoli, laboratori, conferenze, incontri tra pubblico e operatori.

Il binomio danza e tecnologia è centrale nella programmazione, inteso in maniera quanto mai vasta: tecnologie della scena, della comunicazione, del sé, tecnologia e attivismo: tecnologia nel vero senso di “discorso sull’arte”.

La co-direzione artistica di Marco Chenevier e Francesca Fini propone una visione poliedrica e multidisciplinare, investendo sulla qualità e lontana da una concezione legata ai grandi nomi, affiancando artisti giovani ma già affermati ad artisti di lungo corso. Si distingue inoltre per l’attenzione alla performance art cui viene dedicata una sezione specifica. Selezioniamo artisti che mostrano una spiccata consapevolezza nell’ utilizzo di pratiche artistiche appartenenti a discipline diverse, mettendole al servizio della drammaturgia: artisti che si collocano al confine tra danza, teatro, video e performance art, circo, musica. Tutti gli spettacoli sono prime regionali e 1 di questi è una prima nazionale.

Concepiamo il festival quale laboratorio dall’architettura mutevole ed emanazione dei desideri della comunità. Tratto distintivo sono i dispositivi che mettono in relazione artisti e pubblico, tra cui gli incontri informali di approfondimento sugli spettacoli tra pubblico e artisti, le masterclass condotte dagli artisti, le conferenze su temi specifici della programmazione.

Ci rivolgiamo ad un pubblico di residenti, turisti, famiglie, con particolare attenzione ai giovani. Ogni serata programmiamo 2/3 spettacoli di breve durata e una performance, per presentare al pubblico proposte diverse per estetica e contenuto. La struttura della Cittadella permette di programmare più eventi dislocati nei vari spazi: il pubblico può essere spettatore, partecipante agli eventi collaterali o seguire i momenti di incontro informali con gli artisti, che rimangono per tutta la durata del festival.

 

T*Danse articola un panorama di azioni collaterali alla programmazione, ma fondanti e identificative, che rimettono al centro dell’equazione il pubblico. Prevediamo azioni di natura promozionale e di coinvolgimento lungo un ampio arco temporale con l’obiettivo di creare un crescente interesse verso il festival.

 

Viene inoltre realizzata la “comunicazione target” con proposte diversificate per fasce di pubblico:

Coinvolgiti: ospitalità degli artisti presso case di cittadini valdostani

#comunicadanza e alternanza scuola/lavoro: rivolti alle scuole superiori

Matinée: rivolte alle scuole primarie e azioni di sensibilizzazione nei mesi precedenti il festival

Maratona delle scuole: percorso di visione per le scuole di danza

Intorno agli spettacoli: conferenze di approfondimento, incontri con gli artisti, masterclass

Aspettando T*Danse: insieme di azioni che precedono il festival, declinate in momenti formativi con finalità di inclusione (Laboratori civili) e performance in-situ

Anche per quest’anno tutti gli artisti saranno invitati a rimanere per l’intera durata del festival per partecipare a tutte le attività, agli incontri, alle conferenze e per assistere agli spettacoli degli altri artisti ospiti. Un’occasione per combattere il consumismo verso l’arte performativa, che diventi invece un pretesto per creare una comunità critica e partecipativa. Anche per l’edizione 2018 la modalità dell’ospitalità offerta agli artisti sarà una delle caratteristiche peculiari del festival: gli artisti saranno ospitati presso case di privati cittadini valdostani. Vogliamo che gli artisti entrino a far parte della nostra comunità per la durata del festival, e l’essere ospitati in una casa valdostana permetterà loro di instaurare un rapporto più autentico con la nostra regione. Questo permette di creare un vero legame tra cittadini, territorio, festival ed artisti.

Vogliamo tessere un rapporto ancora più profondo tra il festival e la città, tra il festival e la regione.

Il programma di hosting è stato per i suoi partecipanti in primo luogo un’occasione per instaurare un rapporto umano, per conoscersi reciprocamente nella diversità, per generare uno scambio sganciato da qualsiasi presupposto economico. Per gli host, questa è stata una finestra sulla quotidianità del lavoro dell’artista, un confronto pratico e arricchente tra visioni diverse. Per gli artisti, l’essere ospitati in una casa valdostana ha permesso loro di assaporare la vera essenza della cultura del territorio, sperimentando in prima persona le caratteristiche di ospitalità e accoglienza della sua cittadinanza, per poi infine lasciare questo luogo con la voglia di tornare e ritrovare un vero legame di vicinanza.

La programmazione è quindi solo l’ultimo gradino di un percorso che vuole creare un legame tra i cittadini, gli artisti ed il territorio valdostano inteso come un complesso sistema di associazioni, enti, istituzioni scolastiche e privati cittadini senza dimenticare i legami con le comunità transfrontaliere.

 

 

 

PROGRAMMA:

da lunedi 8 a domenica 14 ottobre 2018

Laboratorio civile rivolto ai Migranti a cura di Ass.ne Semivolanti (IT)

Laboratorio Civile rivolto a diversamente abili a cura di Anna Albertarelli (IT)

Azioni site specific in spazi urbani della città di Aosta a cura di D.Street Company (FR)

domenica 14 ottobre 2018

Battle di apertura del festival a cura di D.Street Company (FR)

lunedi 15 ottobre 2018 – mattina

Il colore Rosa | Aline Nari – ALDES (IT)

martedi 16 ottobre 2018 – mattina

spettacolo: Il colore Rosa | Aline Nari – ALDES (IT)

pomeriggio

conferenza: Performance ART! Arte e sovversione – a cura di Francesca Fini e Zierle&Carter

sera

retrospettiva su Valeriano Gialli

mercoledi 17 ottobre 2018 – sera

aperitivo di apertura

performance di Zierle&Carter  (DE/UK)

spettacolo: Indaco di Fabio Ciccalé (IT)

 

giovedi 18 ottobre 2018

mattina

conferenza: Riflessioni etico/artistiche/pedagogiche sull’agire poeticamente

Intervento a cura di Anna Albertarelli – Coreografa e formatrice

sera

spettacolo: Cinematic2 | Gabriella Maiorino (IT)

performance di Zierle&Carter (DE/UK)

spettacolo: Overload | Sotterraneo (IT)

 

venerdi 19 ottobre 2018

mattina

presentazione del libro  “Il teatro sulla Francigena”, alla presenza dell’autore Simone Pacini

sera

spettacolo: Ciak | compagnia 7-8 chili (IT)

performance di Zierle&Carter (DE/UK)

spettacolo: Clean me | Go Plastic Company (DE)

 

sabato 20 ottobre 2018

mattina

conferenza: Artisti e curatela: l’esperienza dello “Scenario Sensibile”

sera

spettacolo: Fomo | Hingry sharks company (AT)

performance di Zierle&Carter (DE/UK)

spettacolo /concerto: Elusive Balance |Ozmotic

spettacolo / performance interattiva: MeltingPot |Marco Torrice (DE/IT)

domenica 21 ottobre 2018 – pomeriggio

maratona delle scuole di danza della valle d’aosta (fuori dalla programmazione artistica del festival)

presentazione delle performance brevi dei laboratori civili

festa di chiusura

iscriviti alla newsletter di campadidanza