Il Teatro Orione di Roma ha una nuova gestione che si è impegnata  a rilanciare quello che, con i suoi  980 posti, è il quarto teatro più grande della Capitale. Carlo Oldani e Claudio Romano Politi, entrambi ventottenni, hanno rilevato il teatro da marzo 2016. Il loro primo impegno, durante l’estate, è stato quello di operare una massiccia ristrutturazione estetica e tecnica, con adeguamenti importanti per l’impianto audio e il comparto digitale. A partire dalla stagione 2017/2018 anche l’attività artistica verrà rivitalizzata con un cartellone che contempli la prosa, il musical, il concerto e la danza.

La filosofia che guida la nuova direzione porta a scegliere “il nuovo” come punto di riferimento: proporre,  per il quartiere Appio Latino e per tutta  la città di Roma, realizzazioni artistiche che difficilmente trovano spazio in altri teatri della cittadini, privilegiando l’inedito.  Tra le linee guida della direzione c’è anche quella di non settorializzarsi in un genere specifico ma di offrire teatro di prosa, musica e danza.  La programmazione della danza è stata affidata  ad Antonio Desiderio e Damiano Bisozzi, noti professionisti del settore.  Antonio Desiderio è manager  di grandi artisti nel settore della lirica  e della danza, tra cui Giuseppe Picone, neo  direttore del Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo. Damiano Bisozzi è danzatore dall’esperienza internazionale nel campo del musical,  sia nell’ambito teatrale che cinematografico, ha danzato in Nine, colossal di Rob Marshall con Sofia Loren, Nicole Kidman, Penelope Cruz e Daniel Day Lewis.  La loro idea è di programmare una stagione di danza per il 2017/’18 per dare spazio a scelte di qualità. Ma per quest’anno si orienteranno su appuntamenti  cadenzati  che avvicinino gradualmente al Teatro Orione il pubblico appassionato alla danza.  Il 26 novembre verrà  presentato  lo spettacolo Il mantello di Pelle di Drago con la compagnia Jas Art Ballet e i Primi ballerini del Teatro alla Scala: Sabrina Brazzo e Andrea Volpintesta.  In un momento di feroce ridimensionamento della danza nelle Fondazioni liriche, si apre uno spiraglio a Roma, con l’idea di offrire uno spazio e un rilancio alle compagnie di danza private.  Buon lavoro!

Roberta Albano

 

NCPA di Beijing indice un’audizione per la nuova produzione de La Vedova Allegra, regia di Hugo De Ana  e coreografia di Alessandra Panzavolta.

Si cercano 6 danzatrici di base classica e contemporanea con esperienza professionale. Altezza minimo 1,68, corporatura longilinea. Preparazione acrobatica e massima elasticità muscolare richieste (can can)

Le prove e gli spettacoli saranno in sede NCPA in Beijing (Pechino)

Periodo di lavoro: 3-23 gennaio 2017

AUDIZIONE: 6 Novembre 2016 ore 10,30 presso  NUOVO TEATRO ORIONE via Tortona, 7 (METRO A, RE DI ROMA)

ANTONIO Desiderio Artist Management

management@antoniodesiderio.com