RICEVIAMO DA MARION NUGNES danzatrice e coreografa e pubblichiamo volentieri

Ho visto lo spettacolo della White Cloud Opera “Bolero A Journey Celebrating Creativity”, ho sentito le parole del testo di Juliu Horvath  che ne ha firmato la coreografia ricche della sua storia personale nel “riabilitare” il suo corpo, ma è proprio grazie a questo percorso che ha poi sviluppato il GYROTONIC EXPANSION SYSTEM® . Nel suo testo si percepisce la necessità, la genuinità di riuscire a trasmettere le potenzialità e la nobiltà della vita stessa insita nei corpi.

finale-bolero-ph-di-aly-e-arianna-bonafedeLo spettacolo viene quindi ad essere “protetto” da una “bolla di purezza” di intento che supera ogni conflitto ideologico sulle stesse coreografie. E’ un atto creativo ed i danzatori della WCO ne sono l’opera: corpi che si articolano con maestria,  con espansione di armonia e bellezza. Le musiche iniziali ti conducono al “sacro”, danzano movimenti che ti portano allo yoga  o all’Euritmia al QI. Si sviluppa in danze di gruppo, soli e duetti in cui i danzatori stessi si sono impegnati nell’atto creativo. Può piacere o non piacere, ma il loro intento nel messaggio specifico di Juliu Horvath lo rende salvo e salvifico in quanto messaggio di vitalità, bellezza e armonia necessario più che mai in questi tempi. La danza e le sue “possibilità” di linguaggi: dal contemporaneo al classico, dall’indiano al tango. Elisabetta Carnevale in tutto questo emerge come una stella. E’ indubbiamente un corpo dotato, ma è commovente sentire in lei l’energia che la abita e che l’ha condotta ad accordare come uno strumento di perfezione il suo corpo. C’è un impegno ed una vocazione che ti fa trascendere dalle stesse coreografie. Può farsi abitare dall’energia e ci conduce verso quell’oltre, il possibile. Una libertà e padronanza del corpo che tutti vorremmo avere. Conclude di “candore” il pezzo corale in cui partecipa anche l’ideatore Juliu Horvath. Giocano con il “credo” che ha reso la possibilità della danza. Dichiarano in offerta la loro energia Te la donano… e arriva.