A Monte di Procida si è tenuta la XXVII edizione del “Premio Napoli Danza”, direzione artistica congiunta di Antonio Salernitano ed Antonio Colandre, direzione tecnica del presidente AICS Alessandro Papaccio.

La storica kermesse, dopo le passate edizioni presso palazzi, castelli e plessi monumentali della città, è stata ospitata quest’anno nella splendida località Acquamorta, con scenografie poste in bella mostra tra il cielo ed il mare dei Campi Flegrei.

Per la prima volta in assoluto, il “Premio Napoli Danza” ha aggiunto alla due-giorni di concorso una terza serata di gala con ospiti di chiara fama nazionale ed internazionale, quale omaggio al Teatro di San Carlo di Napoli nella duplice veste di residenza artistica storica dei due direttori artistici Antonio Salernitano ed Antonio Colandrea, e patrimonio culturale e coreutico della città.

La commissione del concorso è stata diretta da Giuseppe Picone (direttore Corpo di Ballo Teatro di San Carlo di Napoli) e composta da Vito Bisceglie, Emma Cianchi, Bruno Fusco, Stefania Landi ed Alex Sardiello.

Nel corso del gala del 19 giugno sono andati in scena Anna Chiara Amirante ed Alessandro Staiano nel pas de deux di “Apollon musagète” di Antonio Colandrea e musiche di Igor Stravinskij, creato nel 2008 per gli interpreti Letizia Giuliani ed Umberto De Luca della compagnia MaggioDanza; Claudia D’Antonio e Salvatore Manzo nel pas de deux “Accademico ma non troppo”, coreografato da Antonio Colandrea sulle musiche di Amalia Rodriguez; Luisa Ieluzzi con la variazione del cigno bianco tratta da “Il lago dei cigni” di Ricardo Nunez, ripreso da Patrizia Manieri, e con l’assolo “Assioma” ancora di Antonio Colandrea. Si sono esibiti anche i fratelli Francesco Scotto di Perta (Scuola di Ballo del Teatro di San Carlo) ed Eleonora (Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma) nella coreografia “Con…cor…danze” del loro primo maestro Antonio Colandrea sulle musiche di Fryderyk Chopin. In programma anche una variazione tratta dal repertorio classico per Ciro Lieto, nato artisticamente con Antonio Salernitano prima di approdare alla Scuola di Ballo del Teatro di San Carlo. Nel corso della serata del 19 sono stati premiati: Giuseppe Picone (premio alla carriera). I premi alle Eccellenze della danza sono invece andati ad Alessandro Staiano, Anna Chiara Amirante, Claudia D’Antonio, Salvatore Manzo e Luisa Ieluzzi (interpreti del Teatro di San Carlo) ed Alessandra Amato (Teatro dell’Opera di Roma ma diplomata alla Scuola di Ballo sancarliana). I  premi al Merito sono stati dedicati alla professoressa Mariella Ermini (Accademia Nazionale di Danza), Alessandra Capozzi (Teatro dell’Opera di Roma) e Stephane Fournial (direttore della Scuola di Ballo del Teatro di San Carlo). I premi ai Talenti emergenti sono invece stati destinati ai fratelli Francesco ed Eleonora Scotto di Perta e Ciro Lieto. I premi Estetica per l’arte sono stati pensati ad hoc per il dottor Rosario Porzio e Ciro Moris. Il premio alla Cultura della danza è invece stato assegnato al prof Massimiliano Craus (Teatro dell’Opera di Roma e Corriere della Sera).

Ringraziamo il Comune di Monte di Procida, nella persona del sindaco Giuseppe Pugliese, per l’eccellente accoglienza riservata alla danza ed al Premio Napoli Danza – hanno dichiarato i direttori artistici – Ricordiamo altresì che questa manifestazione è resa possibile grazie anche all’intervento della Regione Campania, dei Campi Flegrei, dell’AICS e delle istituzioni private che hanno collaborato fattivamente alla realizzazione di una full immersion di danza internazionale nei Campi Flegrei. Un ringraziamento va a Baya Club, La Playa, Un altro Caffè, Ciro Moris, Vibian, Villa Oteri, De Pasquale e la stilista Tiziana di Meo.