PISA – La Fondazione Teatro di Pisa promuove attivamente lo sviluppo della danza in regione e sostiene i giovani coreografi come partner,  insieme a FTS onlus, del Network Anticorpi XL, prima rete nazionale indipendente per il monitoraggio e selezione della giovane danza d’autore.

Anche in questa stagione, durante la serata ANTICORPI EXPLO, giovedì 1 marzo alle ore 21, verrà offerto un palcoscenico speciale a giovani artisti, il Teatro Sant’Andrea che in questa occasione darà loro la possibilità di presentare i propri lavori al pubblico, con personalità, stili e modalità differenti di pensare la danza.

Tre saranno  le performance ospiti della serata.

A cavallo tra realtà e finzione, è Vanna Marchi il personaggio a cui
si ispira Andrea Costanzo Martini, giovane coreografo torinese molto più conosciuto all’estero che in Italia, residente da anni in
Israele. Autore dell’ironico e pluripremiato solo WHAT HAPPENED IN TORINO, primo premio sia per la danza che per la coreografia
all’International Stuttgart Solo Competition e premio del pubblico al
MAS DANZA di Gran Canaria 2015, Spagna, In questo lavoro il coreografo/interprete ricerca l’eccentricità espressiva senza sacrificare però l’esecuzione
rigorosa. Il testo che accompagna la danza reinterpreta liberamente le
televendite della Marchi, figura controversa degli anni ’90, famosa
per i metodi di vendita non convenzionali e il proprio carattere
esuberante.

Un argomento attualissimo come il pericolo dell’alcolismo è poi
affrontato, con ironia dolceamara, dalla Compagnia MF, composta da Francesco
Colaleo, Maxime Freixas e Francesca Ugolini, i tre interpreti che curano anche regia e coreografia di BEVIAMOCI SU_ NO GAME.  Spiega Francesco Colaleo: “Si tratta di un trio divertente […] è chiara la nostra direzione coreografica e creativa che
mira ad uscire da questa tendenza al drammatico ed al prendersi troppo
sul serio, molto diffusa oggigiorno nella danza contemporanea, per
cercare, invece, il gioco e l’ironia. Abbiamo pensato ad una ricerca
spontanea, divertente, che possa emozionare ed emozionarci.”

YELLOW PLACE racconta, invece, la natura di un amore tutto al maschile.
Mattia Russo e Antonio De Rosa, sono autori/ performer di questo lavoro nel quale affrontano in un duetto il tema dell’incontro,
dell’amore e della crescita di un rapporto. La relazione è divisa in
tre parti – l’innamoramento con l’emozione del viaggio a due, la
dipendenza nevrotica, e la stabilità finale con il pas de deux prima di
separarsi, in cui tutto ritorna ad una situazione di calma. Allo
spettatore il compito di trarre le conclusioni: invecchiare insieme è
una possibilità reale o è soltanto frutto dell’immaginazione?

Al termine della serata è previsto un incontro/conversazione con i coreografi a cura di Silvia Poletti, critica e studiosa di danza.

Per ulteriori informazioni: Fondazione Teatro di Pisa, tel 050 941111,
www.teatrodipisa.pi.it

 

Letizia Gioia Monda

iscriviti alla newsletter Campadidanza