Pubblichiamo degli interventi dei vincitori del bando My lesson, my body _ Nuovi codici della danza ed. 2016. Una iniziativa nata da un bando indetto da Movimento Danza, con l’obiettivo di dare la possibilità ai giovani insegnanti di esprimere la propria tecnica di danza attraverso la ricerca e la sperimentazione di nuovi linguaggi del corpo.

Il Floor Work nasce dalla ricerca di un nuovo rapporto del danzatore con il suolo, non piu’ un semplice appoggio ma come supporto fondamentale come forza propulsiva e come piano da cui trarre energia, permettendo al corpo di lavorare in profondità l’intera muscolatura sia nell’allungamento che nella flessibilità, sfidando le leggi di gravità.

La Tecnica Release è uno stile di danza contemporanea nato intorno agli anni 70 negli Stati Uniti. I presupposti fondamentali sono: recuperare l’organicità del movimento, la fluidità, l’elasticità, la scioltezza delle articolazioni, consapevoli dello spazio, del peso, del tempo e del flusso del movimento. Questa tecnica insegna a sviluppare la percezione e a muoversi senza imitare, ma piuttosto basandosi sull’ascolto del proprio corpo e sulle sensazioni cinestetiche individuali. Questa tecnica pone attenzione all’allineamento dello scheletro, all’attivazione e percezione del centro, all’utilizzo delle articolazioni, un modo per capire come ridurre al minimo lo sforzo muscolare in tutte le attività motorie e migliorare agilità e velocità di reazione.

Abbiamo approfondito l’argomento con Alessandro Amoroso, uno dei vincitori del bando My Lesson, My Body _ Nuovi codici della danza 2016, che ha presentato queste tecniche e la sua idea di danza, durante la Giornata Mondiale della Danza 2016.

“Il lavoro che propongo, frutto del mio percorso artistico, fa riferimento  in particolare alla  coreografa e insegnante Daniela Capacci di “danzaricerca”.

Descrivo in breve il mio pensiero sulla costruzione della lezione di tecnica release che ho proposto in questa giornata.

Inizio con  elementi di tecnica Floor Work: uso la gravità facendo sì che il suolo diventi un supporto fondamentale per lavorare in profondità l’intera muscolatura, sia nell’ allungamento che nella flessibilità corporea, percependo il giusto allineamento. Arrivo nella posizione eretta e pongo una particolare attenzione all’ allineamento dello scheletro, all’ attivazione e percezione del centro, all’ utilizzo delle articolazioni, alla ricerca di un un modo per capire come ridurre al minimo lo sforzo muscolare in tutte le attività motorie e migliorare l’agilità e velocità di reazione.

Ho notato nella mia lezione un particolare coinvolgimento della classe, riscontrando degli studenti molto curiosi e volenterosi nell’apprendimento di  quello che ho cercato di trasmettere in poco tempo!

E’ sempre una gioia festeggiare la Giornata Mondiale della Danza, in compagnia di tanti giovani danzatori, uniti da una grande passione.

Una giornata all’insegna dello studio, che unisce bellezza ed eleganza nei corpi in movimento, onorando il famoso coreografo e danzatore del 1700 Jean Georges Noverre.

Attirare un pubblico verso la conoscenza della danza e alle varie tecniche che esistono, nascono e si evolvono, è una opportunità unica che offre a Napoli il centro Movimento Danza  diretto da Gabriella Stazio!”

Alessandro Amoroso

Nato ad Avellino nel 1986, insegnante di danza contemporanea per i corsi di 10530950_10205325029556009_8154031733494870308_ndanza classica e nazionale cinese presso la Xi’An  physical Education University e la Shaanxi Normal University, Alessandro Amoroso è stato ospite dello stage Estate in…Movimento 2015 presso Movimento danza di Gabriella Stazio, danzatore per il progetto Corpo Resiliente primo studio di Claudio Melangone, ed è vincitore del bando My lesson my body organizzato da Gabriella Stazio per la giornata mondiale della danza 2016. Alessandro Amoroso presenta la tecnica del Floor Work e Release, basate sul contatto col pavimento e l’allineamento dello scheletro e delle articolazioni.

iscriviti alla newsletter di campadidanza