Home Attualità Music-Dance. Sound and Motion in Contemporary Discourse, una raccolta di saggi firmata...

Music-Dance. Sound and Motion in Contemporary Discourse, una raccolta di saggi firmata da Patrizia Veroli e Gianfranco Vinay

274

Music-Dance. Sound and Motion in Contemporary Discourse è il titolo del nuovo volume a cura di Patrizia Veroli e Gianfranco Vinay che verrà presentato mercoledì 12 dicembre 2018 al Museo Macro-Asilo di Roma all’interno dell’iniziativa “Libri con AIRDanza” l’importante progetto culturale tutto dedicato all’arte coreutica a cura dell’Associazione Italiana per la Ricerca sulla Danza. Alla presentazione, che si terrà alle ore 18:00 nell’ospitale “Sala Lettura” del museo, presenzieranno oltre che i curatori, anche Renato Bossa (Teatro dell’Opera, Roma) e Natalia Gozzano (Accademia Nazionale di Danza, Roma). Music-Dance. Sound and Motion in Contemporary Discourse (Routledge London and New York, 2018) è una raccolta di saggi. Quindici interventi sull’ intreccio tra danza e musica ad opera di autori europei e non solo, figure rappresentative dell’odierna coreomusicologia, storici della danza, studiosi della musica del Novecento e specialisti delle scienze cognitive e degli studi sulla performance. Il volume, curato da due importanti studiosi come Patrizia Veroli e Gianfranco Vinay, da sempre appassionati e impegnati nella ricerca, spinti in questo caso dalla volontà di esplorare sempre più profondamente l’identità dell’opera coreomusicale, la sua complessa autorialità, le modalità della sua ricezione, nonché i processi cognitivi che entrano in gioco quando si assiste a uno spettacolo. Nel volume sono raccolte le ricerche di studiosi di danza e di musica focalizzate sui modi in cui lo statuto percettivo di una partitura musicale si modifica allorquando diventa parte di un progetto coreografico, così come sull’incontro che avviene sulla scena tra suono e movimento e sull’intreccio di ascolto e visione. Oltre ad interessare musicologi e coreologi per il suo occuparsi di tematiche come la notazione, il multimedia e l’analisi dello spettacolo, Music-Dance. Sound and Motion in Contemporary Discourse è diretto anche a quanti lavorano sulla ricerca applicata nei campi del cognitivismo e delle neuroscienze.

In una breve intervista Patrizia Veroli ci racconta di Music-Dance , curato insieme a Gianfranco Vinay.

Come nasce l’idea di Music-Dance?

Il volume nasce da un convegno internazionale che si è tenuto alla Fondazione Cini di Venezia nel 2015. L’idea è stata quella di riunire musicologi e coreologi appartenenti a diverse tradizioni di studio attorno alla questione dei rapporti tra musica e danza. Il periodo preso in considerazione è stato il Novecento, e non a caso. Il secolo si è aperto colla teorizzazione della indipendenza reciproca di musica e danza, idea che è stata riaffermata da John Cage nel secondo dopoguerra.

Nel volume sono raccolti saggi anche di specialisti delle scienze cognitive e degli studi sulla performance, in che modo si ricollegano all’arte coreutica e musicale?

Le conquiste delle neuroscienze oggi permettono di capire che la percezione dell’opera danzata avviene nel suo complesso, cioè danza musica o rumori di varia natura assieme. Gli studi finora, hanno teso ad analizzare separatamente la parte sonora dello spettacolo. Ci si pone il quesito se e come è possibile studiare l’intreccio coreomusicale, per esempio definendo il ruolo che l’empatia ha nella fruizione dello spettacolo e la natura delle dimensioni percettive coinvolte nell’audiovisione.

Ci dà qualche anticipazione sui saggi contenuti? Il volume si divide i quattro parti. Nella prima parte dal titolo L’opera coreomusicale. Verso un fondamento teoretico, sono raccolti i saggi di Inger Damsholt, Massimiliano Locanto, Lawrence M. Zbikowski. Nella seconda intitolata Notazione musicale e coreo-grafia, si trovano i saggi di Claudia Jeschke, Maria Nordera, Nicolas Donin. La terza parte, L’unione di musica e danza. Sfide e negoziati, contiene saggi di: Julia H. Schröder, Ulrich Mosch, Susanne Franco. Conclude il capitolo Corpi senzienti, con i saggi di Eric F. Clarke, Rolf Inge Godøy, Dee Reynolds, Susan Broadhurst, Antonio Camurri.

Music-Dance vede lei e Gianfranco Vinay uniti in una felice collaborazione, due studiosi l’una di musica e l’altro di danza, è la prima volta che collaborate alla stesura di un libro?

Abbiamo già lavorato assieme ad un volume sui Balletti Russi di Diaghilev uscito nel 2013 per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma (il secondo volume online è scaricabile all’indirizzo: www.santacecilia.it/balletsrusses). Per il futuro abbiamo già in programma un nuovo volume sul musical angloamericano.

 

 Patrizia Veroli è una ricercatrice indipendente autrice di vari volumi. Ha ricevuto varie borse di studio e più volte insegnato a contratto presso l’Università La Sapienza di Roma. E’ stata Fellow della Italian Academy for Advanced Studies at Columbia University nel 1998. Ha curato alcune mostre e diversi volumi tra cui più recentemente Omaggio a Diaghilev (con Daniela Rizzi, 2011) e Ramifications. Méthodologies dans les études en danse (France-Italie), n. 5 della rivista online «Recherches en danse» (con Federica Fratagnoli e Marina Nordera, 2016).

Gianfranco Vinay è stato docente di musica al Conservatorio di Torino dal 1974 al 1992 e Maître de conférences nel Dipartimento di Musica di Paris 8. Ha pubblicato varie monografie, tra cui Stravinsky e Gershwin, ambedue nel 1992. I suoi libri più recenti sono Charles Ives et l’utopie sonore américaine (2001), Quaderno di strada di Salvatore Sciarrino (2007) e Immagini gesti parole suoni silenzi. Drammaturgia delle opere vocali e teatrali di Salvatore Sciarrino (2010).

                                         Fabiola Pasqualitto

 

Libri con AIRDanza” vi aspetta per la presentazione del volume Music-Dance. Sound and Motion in Contemporary Discourse (Routledge London and New York, 2018) mercoledì 12 dicembre – ore 18:00

Museo Macro-Asilo di Roma- via Nizza, 138.

Per i prossimi appuntamenti di “Libri con AIRDanza” e “Parliamo insieme di danza” visita il sito dell’ AIRDanza (Associazione Italiana per la Ricerca sulla Danza). www.airdanza.it,