La coreografa francese con 65 anni e 40 di carriera ricevera’ il Leone d’Oro alla carriera della Biennale danza di Venezia il prossimo giugno dal 17 al 26.

Dopo nomi come Steve Paxton e Anne Teresa de Keersmaeker, tocca a Lei spirito ribelle della danza, entrata nella storia della danza con lavori come  «May B» e «Cendrillon».

marin

Maguy Marin di famiglia repubblicana che lascio’ la Spagna durante la dittatura di Franco, ha conservato negli anni il suo spirito ribelle scegliendo per la sua compagnia luoghi periferici da Lyon alle Periferie di Parigi.

Tutti i suoi lavori parlano di marginalita’, di dominazione dei paesi occidentali, di leggi economiche che decidono chi vince e chi perde.Tutto questo lo racconta con la danza ma anche attraverso un uso personalissimo della scena e la musica elettronica di Denis Mariotte, suo collaboratore decennale .

Figlia di una  Spagna ribelle, allieva ai suoi tempi di Bèjart, ed eternamente in viaggio nella ricerca artistica e nel rinunciare alle situazioni comode per la sua compagnia a favore di luoghi disagiati come la periferia di Parigi e poi di Lione, la sua personalità ancora stupisce ed affascina, riservandoci ancora molte sorprese.