Lettera di licenziamento firmate dal Sovrintendente Giuliano Polo per 19 lavoratori del Corpo di ballo della Fondazione Arena di
Verona.
Un passo annunciato già a fine 2016 quando non era stato
trovato un accordo con i dipendenti nella trattativa con i
sindacati. Secondo la Fials Cisal l’epilogo che prevede la
chiusura del Corpo di ballo arriva “nel disinteresse delle
istituzioni, con in testa il Ministero dei Beni Culturali
deputato a vigilare e tutelare le arti di cui la danza è
essenziale bene comune”.
Per il sindacato gli artisti sarebbero stati licenziati “con
presunte motivazioni economiche in contraddizione con gli enormi
incassi del botteghino”.

La notizia ha creato scalpore nel mondo della cultura italiano.