Gran Serata Futurista è uno spettacolo che, avvalendosi della danza contemporanea, esalta il valore dell’energia, del movimento, dell’immaginazione senza fili, delle parole in libertà, del bisogno di rinnovare partendo dai valori dei Futuristi: coraggio, temerità, velocità, originalità, audacia, libertà, trionfo della novità, sovranità della fantasia, accettazione completa della civiltà tecnologica, il senso della grande città. Lo spettacolo vuole scongiurare l’ipocrita separazione tra l’arte e la vita e sottrarsi ai riti passatisti di questa società per compiere, così, un itinerario rigoroso su testi ufficiali tra il 1909 e il 1922 attraverso la voce, la musica e la danza futuriste. Una provocazione per rappresentare il Futurismo con la simultaneità degli stati emotivi, in nome di un’immaginazione senza fili e a favore di un’arte poetica che non può esistere senza ebbrezza e senza sintesi. Dopo un tour di vari anni nelle principali città italiane ed americane, lo spettacolo sbarcherà anche a Napoli, al Museo Madre il 17 febbraio.

Durata 70 minuti e qualche secondo improvvisato…
Regista e interprete – Massimiliano Finazzer Flory
coreografie e interprete – Michela Lucenti
Testi di Marinetti e Papini
Musiche di Igor Stravinsky, Alfredo Casella, Ryuichi Sakamoto
costumi della Sartoria Brancato Milano

Per maggiori info visita il sito