TESTIMONIANZE RICERCA AZIONI

 

Genova, dal 5 aprile al 7 maggio 2017

 VIII edizione

L’ottava edizione del festival TESTIMONIANZE RICERCA AZIONI presenta quest’anno (5 aprile – 7 maggio) un ricco programma di teatro, danza, musica, incontri, convegni, seminari, residenze che faranno di Genova un punto di riferimento nel panorama teatrale nazionale.

Testimonianze ricerca azioni, promosso da Teatro Akropolis con la direzione artistica dei registi e drammaturghi  Clemente Tafuri e David Beronio, realizzato con il sostegno del Comune di Genova e Società per Cornigliano, con la collaborazione di numerosi partner tra cui Palazzo Ducale – Fondazione per la Cultura, Compagnia di San Paolo, l’Università di Genova, l’Università di Bologna, il Conservatorio Niccolò Paganini, Anticorpi XL, il Museo Biblioteca dell’attore, è giunto all’ottava edizione.

Il festival si svolgerà dal 5 aprile al 7 maggio 2017, preceduto da un periodo di residenze artistiche che avranno inizio il 21 marzo, e avrà luogo in diversi spazi dislocati sul territorio della città di Genova come, tra gli altri, Palazzo Ducale, Villa Rossi Martini, l’ex manifattura tabacchi di Sestri Ponente, e vedrà coinvolti 98 artisti con 20 spettacoli, 7 residenze,  3 workshop, 2 convegni e 2 incontri.

L’edizione 2017 di Testimonianze ricerca azioni rappresenta un’importante conferma del percorso intrapreso da Teatro Akropolis. Il rapporto fra l’accadere di un evento artistico e il luogo che lo ospita ha portato al naturale sviluppo del tema dell’accoglienza e dell’ospitalità anche attraverso l’organizzazione di Genius loci – periodi di residenza artistica per artisti nazionali e internazionali –  e Progetto Maia – nato per valorizzare la danza contemporanea ligure che rappresentano  una straordinaria occasione di incontro e di confronto sia per gli attori che per i danzatori.

Fra gli artisti coinvolti in questa edizione nomi prestigiosi come Sosta Palmizi, Alessandra Cristiani e  giovani coreografi, considerati fra le punte di diamante della nuova danza italiana, fra cui Davide Valrosso, Andrea Costanzo Martini, Francesco Colaleo, Nicola Marrapodi, Maria Francesca Guerra.

Ad arricchire ulteriormente il programma una sezione del festival è costituita da seminari, incontri e laboratori, che daranno la possibilità al pubblico di relazionarsi direttamente con artisti e studiosi in un contesto diverso da quello dello spettacolo e agli artisti di approfondire alcune tematiche organizzative e amministrative.  In questa sezione da segnalare in particolare due convegni nazionali –  Ivrea Cinquanta, curato da Marco De Marinis per una riflessione sul nuovo teatro a cinquant’anni dal convegno di Ivrea e Trame nascoste – Giorgio Colli, organizzato a cent’anni dalla nascita del filosofo, con la presenza di Massimo Cacciari, Carlo Sini, Marco Martinelli, Giuliano Campioni e due incontri dedicati alla danza, il primo con la danzatrice Francesca Pedullà e la disegnatrice Sabrina Marzagalli Soliloquio a due. Disegnare la danza tra Genova e Berlino” che presenteranno il percorso artistico per la creazione dello spettacolo Soliloquio a due, il secondo con il coreografo Claude Coldy,La danza sensibile tra struttura e forma: alla scoperta del corpo in movimento” ad illustrari i fondamenti della Danza Sensibile, metodologia che coinvolge e appassiona da molti anni danzatori, artisti, terapeuti di tutto il mondo.

Non una stagione o una rassegna tradizionale, quindi, ma un’occasione di studio e confronto concentrata in poco più di un mese all’anno. Il festival, come ogni anno, sarà preceduto dalla pubblicazione dell’ottavo volume di Teatro Akropolis. Testimonianze ricerca azioni, che raccoglie interventi teorici di approfondimento degli artisti, dei critici e degli intellettuali che partecipano al dibattito contemporaneo intorno al teatro e all’arte in genere.

Per il programma completo visionare il sito www.teatroakropolis.com

 INFO PRESS:  Elena Lamberti yeleni87@hotmail.com cell 3495655066

iscriviti alla newsletter di campadidanza