Home Attualità Presentazioni Milano, danza e disabilità si incontrano al Festival Internazionale Dreamtime

Milano, danza e disabilità si incontrano al Festival Internazionale Dreamtime

1484

Presso il Teatro PIME dal 18 al 23 aprile 2016

8a edizione Festival Internazionale Dreamtime

“Beauty is in the eye of the beholder”

Questa definizione della bellezza appare per la prima volta in Grecia nel terzo secolo avanti Cristo, ma questo concetto appare chiaramente stampato su carta solo nel IXX secolo e anche  Shakespeare ha espresso un sentimento simile in Love’s Labours Lost nel 1588.

 

Dreamtime Festival Internazionale, in programma a Milano dal 18 al 23 aprile 2016, nasce dal percorso dell’associazione milanese “Viaggiatori dell’Anima” nell’incontro tra danza e disabilità e in questa ottava edizione mira ad indagare proprio il tema della “Percezione della Bellezza”, perche’ “pensiamo che la percezione della bellezza sia soggettiva se siamo pronti a cambiare il nostro punto di vista” ci spiega Paola Banone la direttrice artistica..

Dreamtime in questa ottava edizione presenterà nuove estetiche per la scena contemporanea, crossing di linguaggi performativi e grande danza di  stili diversi.

La Madrina d’eccellenza Anna Maria Prina, che dal 2011  con amore e pazienza segue le prove della Compagnia Dreamtime esibendosi con loro anche  in scena, quest’anno sarà affiancata da professionisti del calibro di Stefania Ballone, ballerina scaligera e coreografa, e Michela Lucenti, direttrice artistica di Balletto Civile, una grande amica del Progetto Dreamtime che presenta in anteprima il Progetto Be For con Natalia Vallebona e Fabio Bergaglio.

Si confermano le partnership con: la Fondazione Egri/Bianco per la Danza, il Festival Pillole e la sua direttrice artistica Virginia Spallarossa

LE COMPAGNIE OSPITI STRANIERE

Si confermano le presenze internazionali. Paese ospite la Germania con due progetti:l’Ensemble BewegGrund di Trier che terrà un workshop di DanceAbility il 21 aprile sul palco del teatro PIME dale 17.00 alle 18.30  e una performance elettrizzante Instucken 16 in cui “la compagnia danzerà nel  momento presente i ricordi del passato immaginando il futuro” come scrive Maja Hehlen, direttrice artistica di Trier, danzatrice, coreografa, insegnante di grande esperienza di DanceAbility (Metodo di danza fondato da Alito Alessi).

 

Klabauter Theater di Amburgo e’ la seconda compagnia ospite dalla Germania.

Si tratta di un progetto fondato nel 1998, sostenuto dalla fondazione della Chiesa protestante  “Das Rauhe Haus “ e dal Comune di Amburgo ed é una delle prime compagnie professionali teatrali  tedesca con attori e attrici con disabilita’. Il team artistico é guidato da  Dorothée de Place, attrice regista e insegnante di DanceAbility. Paola Banone e  Dorothée de Place condurranno dal 18 al 23 aprile presso la Sala Girardi al Teatro PIME un gruppo formato dagli attori professionisti con disabilita’ tedeschi e alcuni membri della Compagnia Dreamtime creando  una performance di teatro –danza dal titolo “Over_size”. Chi vorra’ seguire la produzione durante la settimana del Festival puo’ prenotarsi via email scrivendo alla direttrice artistica Paola Banone.

 

LE COMPAGNIE OSPITI ITALIANE

Anche quest’anno ospite del Festival la Compagnia “Oltre l’invisibile” dell’ANFFAS di Pordenone che presenta il loro ultimo spettacolo dal titolo “Esistenze ai margini” uno spettacolo di DanceAbility e teatro-danza.

Nello spettacolo portiamo in scena la vita dei senza tetto raccontata in una chiave poetica. La storia parla di persone che hanno perso il lavoro e sono finite, ognuno per motivi diversi a vivere per strada diventando dei barboni, costretti a chiedere la carità ” ci racconta Lorella Lideari, coordinatrice e direttrice artistica della Compagnia.

Infine i padroni di casa, la Compagnia Dreamtime, presentano tre produzioni: la co-produzione con Klabauter Theater di Amburgo, il riallestimento di “Figli di Italiani” arricchito da una guest davvero speciale la ballerina scaligera Stefania Ballone la quale dichiara “Danzare con la Compagnia Dreamtime rappresenta per me uno scambio artistico e umano notevole non vedo l’ora e vi aspetto al Teatro Pime” e la creazione  “Sognando Cannes” presentata in anteprima al Festival di Avignone nel luglio 2015 .

 

WORKSHOP

Giovedi 21 il Festival apre sul palco del Teatro PIME con un workshop sul Metodo DAM_T di P. Banone dalle 15.00 alle 16.30 (workshop  tenuto dalla Dott.ssa Eleonora Colombini e dalla danzatrice Martina Luca ).

Laboratorio di danza come occasione per percepire e sperimentare il potenziale comunicativo ed espressivo del corpo, la creatività individuale e le proprie inclinazioni artistiche che si svilupperanno dalla messa in gioco delle abilità di ciascuno e dall’utilizzo dei propri limiti come risorsa.

 

A seguire, dalle 17.00 alle 18.30, workshop di DanceAbility condotto da Maya Hehlen Anne Chérel Ensemble BewegGrund Trier

La DanceAbility è un approccio alla danza accessibile a tutti creato dall’americano Alito Alessi.

E’ un metodo in grado di coinvolgere persone abili e disabili nelle pratiche d’improvvisazione e nel lavoro coreografico. Basandosi, sui principi fondamentali della Contact Improvisation, celebra l’individualità della persona, la specificità delle differenze e promuove la possibilità di costruire relazioni uniche attraverso la creatività del movimento.

SPECIAL GUEST

Tra i guest scaligeri che dal 2011 accompagnano Dreamtime, quest’anno danzano nella prima serata , il 22 aprile, Stefania Ballone e Angelo Greco giovane solista del Teatro alla Scala che presentano Thunders and lightnings, coreografia Stefania Ballone su Musica di Ezio Bosso. Ci racconta Stefania Ballone: “Mi sono ispirata all’idea della presenza di qualcuno/qualcosa nella mancanza.. Il ricordo , il desiderio mantengono vive le persone, le situazioni, che non ci sono più. Questa presenza diventa il motore di tante azioni e scelte della nostra vita, a allo stesso tempo genera un conflitto interiore”.

il 23 aprile  un altro amico del Festival Dreamtime il ballerino scaligero Christian Fagetti danzera’ La strega, una nuova coreografia di Stefania Ballone. 9.46 minuti su musica tratta dall’opera Macbeth di Giuseppe Verdi un trionfo di musica e balletto italiano interpretata da un danzatore straordinario per generosita’ e passione.

 

Dreamtime Festival è sostenuto dal Comune di Milano Assessorato alla Cultura e dagli sponsor privati che ringraziamo: SOLO SOPRANI e SAVE.

 

 

Direttrice artistica Paola Banone

Luogo

Teatro PIME, Via Mose Bianchi, 94 Milano

Spettacoli Sala Teatrale | workshop Sala Girardi  (Teatro PIME)

Date e orari

Spettacoli 22 e 23 aprile 2016 dalle ore 20.30

Workshop 21 aprile: massimo 20 posti disponibili

DAM_T dalle 15.00 alle 16.30

DANCEABILITY  dalle 17.00 alle 18.30

Biglietti

Biglietto unico per le singole serate 12,00 euro piu’ prevedita

On line www.vivaticket.it oppure punti vendita di vivaticket

Workshop: DAM_T  25 euro | DANCEABILITY 25 euro

Pass Workshop per tutti e due 40 euro

 

Informazioni e Prenotazioni

Associazione Viaggiatori dell’Anima

da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 12.00

tel. +39 02 6070619, mail festivaldreamtime16@yahoo.it

producer Federica Maraldo 333-8599852 (dalle 16.30 alle 22.00)

www.festivaldreamtime.com