Sabato 8 ottobre (ore 21) al Teatro Greco di Roma l‘Asmed Balletto di Sardegna fondata da Paola Leoni (scomparsa prematuramente nel 2011) presenta   “Dream boat” , ideazione, regia, coreografia di Joseph Fontano Lo spettacolo va in scena  nell’ambito della rassegna Che Danza Vuoi?

 Joseph Fontano, danzatore, maestro, coreografo e studioso, incarna da sempre l’idea di danza contemporanea in Italia, sia perché ne è stato uno dei pionieri, sia perché nella sua poetica il termine contemporaneo è legato all’essenza dell’immediato, dell’essere oggi e nel nostro tempo, un creatore ed un artista, senza etichette riduttive.  “Dream boat” riflette, nella sua impostazione concettuale, la poliedricità del suo autore, è un brano in cui la danza è parte di un più ampio discorso teatrale in cui intervengono parola, video e, ovviamente, musica. 

dream-boat-2Lo  spettacolo è un viaggio inteso come fuga, avventura, sete di conoscenza, possibilità di rincominciare, cambiamento, curiosità. Un viaggio per il mondo, un viaggio dentro se stessi e, forse, entrambe le cose. In una sala gremita si attende l’estrazione dei biglietti vincenti; in palio un viaggio, una crociera che tutti sognano, che può cambiare la vita. I fortunati salgono sulla nave, già pregustano questa nuova emozionante esperienza. Non è una vacanza, è un viaggio verso un orizzonte infinito dove tutto è possibile, è abbandonare la noiosa vita di tutti i giorni, è scoprire o riscoprire se stessi.

 La scelta della musica di questo “Dream boat” è particolarmente interessante e parte dalle canzoni popolari degli anni ’60 con un’attenzione per quelli di autori famosi  plagiati e remixati, sia  italiani che d’oltreoceano, come  Madonna, Frank Zappa, Albano. Il luogo è quello di un viaggio in nave in cui persone  a caso, vengono selezionate dalla platea per iniziare un percorso nuovo ed inaspettato. I cinque viaggiatori, ognuno con la propria personalità,  iniziano gradualmente ad interagire tra loro e a scoprire, di sé e degli altri,  nuove sfaccettature. I personaggi sono caratterizzati da immagini e suoni diversi, il distratto che perde sempre monetine, o chi sente sempre l’abbaiare del proprio cane, o chi teme la rottura di un vetro, o il battito del proprio cuore o ancora  la musica di un carillon.

Lo spettacolo è leggibile ed accessibile a tutti senza però rinunciare ad una ricerca coreografica e registica.

In scena Matteo Corso, Amedeo Iagulli, Rachele Montis, Alessandro Trazzera, Giulia Vacca. Assistente della coreografia Amedeo Iagulli

Spettacolo prodotto dall’ASMED con il contributo di Ministero Beni e Attività Culturali e Turismo, Regione Autonoma della Sardegna (Assessorati Spettacolo e Turismo).

Per informazione telefonare al numero 06 8607513.