For the English version, please, scroll down.

BERLINO – Venerdì 6 luglio, presso il Pfefferberg Theater, è andato in scena Orikbem della Siciliano Contemporary Ballet.

Ispirato alla favola di “Pinocchio”, lo spettacolo non è popolato da burattini di legno, bensì di metallo. La storia di Carlo Collodi, in una personalissima rivisitazione di Salvatore Siciliano, racconta di corpi che acquistano consistenza e volume durante il loro viaggio attraverso mondi astratti e immaginari.

Dopo i primissimi minuti, risulta chiaro che la danza è quella di Siciliano.
Il minuzioso e curatissimo lavoro degli arti superiori caratterizza l’intera coreografia. I piccoli movimenti precisi e veloci delle mani conferiscono alla danza un suo stile preciso, rendendola diversa e riconoscibile.
Anche la mimica facciale è in primo piano. Tutti i danzatori – molto dotati – sembrano esprimersi non solo con il corpo ma anche con il viso.

Prezioso il contributo delle musiche firmate da Matresanch.

ph. Underskin
ph. Underskin

On Friday, July 6th, at the Pfefferberg Theater, Orikbem – by the Siciliano Contemporary Ballet – was on.

Inspired by the tale of “Pinocchio”, the show is not populated by wooden puppets, but instead they are made out of metal. The Carlo Collodi tale, in a very personal adaptation of Salvatore Siciliano, is about bodies that take consistency and volume during their journey through abstract and imaginary worlds.

After the first few minutes, it is clear that the dance is by Siciliano.
The meticulous and detailed work of the dancers’ upper arts characterizes the whole choreography. The small, precise and fast movements of the hands give the dance a peculiar style, making it unique and recognisable.
Facial mimicry is also a key element of the creation. All dancers – really talented – seem to express themselves not only with their bodies but also with their faces.

Precious the contribution of the music signed by Matresanch.