Ormai è ufficiale: Benjamin Millepied lascia la direzione della danza dell’Opéra di Parigi. E’ con un messaggio su Twitter che il coreografo ha scelto di comunicare l’abbandono del suo incarico al prestigioso teatro parigino. “Se lascio nonostante passi avanti che ritengo perenni e il sincero attaccamento che mi lega alle equipe, ai danzatori, agli allievi e a tutti quelli e quelle con cui ho potuto lavorare  è unicamente per ragioni personali. Il mio ruolo di Direttore della danza occupa oggi uno spazio tale da aver ridotto quello, ai miei occhi essenziale, della creazione e dell’espressione artistica” ha scritto sui social. Parole che per la stampa d’Oltralpe non sono del tutto sincere, in quanto nasconderebbero dei cattivi rapporti con il corpo di ballo francese. Era stato lo stesso coreografo in recente documentario trasmesso da Canal+ a criticare apertamente i suoi danzatori con frasi come: “Lavorare con loro  a volte è noioso da morire” e “Non sono ancora soddisfatto di come si balla in scena. L’eccellenza, aspetto ancora di vederla davvero”. Qualche giorno dopo da queste dure dichiarazioni era tornato a criticare la sua compagnia, questa volta a mezzo stampa. In un’intervista a Le Figaro, infatti, bacchettava la mancanza di “assiduità ai corsi” di alcuni ballerini, e la tendenza a “tentare di assomigliare a una decorazione su carta da parati” durante le esibizioni invece di “esprimersi“. Tuttavia, c’è chi sostiene che a determinare il suo addio siano stati ben altri motivi: alcuni sostengono che Millepied abbia gettato la spugna per accontentare la moglie Natalie Portman, che lontana da Hollywood avrebbe rischiato di compromettere la sua carriera cinematografica. Intanto il direttore Stephane Lissner ha già fatto sapere che ora a guidare il Corpo di Ballo sarà Aurélie Dupont, 43 anni, nominata étoile nel 1998 da Rudolf Nureyev. Particolarmente amata in Francia, aveva lasciato le scene nel maggio scorso diventando maestra del balletto.