Home Attualità All’Agis di Napoli Sistema MED presenta “Campania Dance Program”

All’Agis di Napoli Sistema MED presenta “Campania Dance Program”

234

Un progetto innovativo, e per ora unico in Italia, è stato presentato nella splendida sede di Agis Napoli in Piazza del Gesù da Sistema MED, l’associazione che tutela i due comparti della musica e della danza in seno all’Agis. Lo scopo di “Campania Dance Program”, questo il nome del progetto, è quello di promuovere la danza, ottimizzando la progettualità e la programmazione, mettendo così meglio in luce la vivacità creativa delle realtà presenti sul territorio e valorizzandole. Come?

Dopo un bellissimo promo e l’introduzione  di Luigi Grispello (Presidente Unione Agis Campania), ce lo spiega Gabriella Stazio (Presidente Sistema MED). Il progetto è il risultato di un lavoro di collaborazione cresciuto negli anni e raggiunge nell’immediato due obbiettivi. Il primo è la compilazione di un unico cartellone della danza, dove sono riuniti tutti gli spettacoli che verranno presentati su territorio regionale nella stagione 2019/2020. Già la prima parte, da ottobre a dicembre, propone oltre 70 titoli per più di 120 giornate di spettacolo. Il cartellone unico ha il grande vantaggio di riuscire a strutturare una programmazione continuativa riducendo al minimo gli accavallamenti. In altre parole non si dovrebbero più verificare né i periodi “troppo pieni”, né “troppo vuoti”, consentendo allo spettatore di non perdere nessuno spettacolo che gli interessi. Il secondo risultato riguarda proprio il pubblico, che potrà più facilmente rendersi conto dell’ampiezza e della ricchezza dell’offerta della danza sul territorio, che spazia dalla danza classica al contemporaneo, alla ricerca e alla sperimentazione. Infatti, come ricorda Alfredo Balsamo (Direttore del Teatro Pubblico Campano), a fronte di una grande produttività e creatività di danzatori e coreografi nella nostra regione la risposta di pubblico finora non è stata altrettanto soddisfacente. Il pubblico della danza va incuriosito, coltivato e il progetto  “Campania Dance Program” va proprio in questa direzione. Inoltre il NID, la piattaforma che ha lo scopo di sostenere la migliore produzione coreutica italiana, nel 2021 si terrà proprio in Campania. La NID, dal 2012, mette in contatto compagnie e operatori, creando un dialogo tra produzione e distribuzione e dando visibilità alla scena italiana, nel rispetto della pluralità di linguaggi e poetiche. Si tratta quindi di una splendida occasione ma anche di un riconoscimento per la danza campana, essendo stati il Teatro Pubblico Campano e la Regione Campania investiti di questo compito dal Ministero. La NID 20121 si terrà a Salerno, visto che è regola la delocalizzazione.

Se si dà anche un’occhiata veloce al cartellone ci si rende subito conto di quanto appena spiegato. L’offerta è ricchissima e variegata. Si va da “La Bella Addormentata” di Fredy Franzutti al “Mittelmeer” di Susanne Linke (storica del Tanztheater di Pina Bausch), da Antonello Cossia con “I fazzoletti di tutti gli addii” a Virgilio Sieni con “Invenzioni”, solo per citarne alcuni. E naturalmente le produzioni delle nostre realtà di danza, da Akerusia a Movimento Danza, impossibile citarle tutte. Inoltre è stato approntato un comodo depliant  che riassume la programmazione di questa prima tranche. Il cartellone per il resto della stagione sarà presentato a gennaio. Alla conferenza stampa è stato anche dato ampio spazio ai presenti. Sono intervenuti Mara Fusco, Irma Cardano, Francesco Russo, Gennaro Cimmino, Manuela Barbato, tutti in grande sintonia con la proposta, sottolineando come sia stata e come sia sempre importante la collaborazione e la sinergia tra tutti gli operatori, necessarie anche per migliorare l’organizzazione e le strutture di supporto indispensabili alla realizzazione e diffusione degli spettacoli.

Mara Fortuna

Iscriviti alla newsletter di Campadidanza