CONDIVIDI
Napoli – C’ e’ un teatro a Napoli che propone una stagione di danza? La risposta è sì. Il Teatro Bellini, che questo anno per la stagione 2017/2018 diretta da Manuela Barbato ed Emma Cianchi, ha dato vita ad un cartellone intenso ed allo stesso tempo variegato. La danza al Teatro Bellini non è una novità , negli anni passati ci avevi già pensato Antonello Tudisco a comporre varie stagioni di danza per il Piccolo Bellini, con spettacoli interessanti e particolari, ad aprire la strada . Ora con il duo Barbato/Cianchi la danza arriva anche alla sala principale del Teatro Bellini e spazia dal gala classico di Lucia Lacarra e Marlon Dilon al super-contemporaneo di Wim Vandekeybus con Ultima Vez.
Nella scorsa settimana, due gli spettacoli proposti .Il primo martedì 21 novembre con la napoletana Giulia Iurza e la J7s Dance Comapny in Shikishin Funi, che ha debuttato al Festival Resolution 2017  del The Place di Londra ed oggi sostenuto anche da Wayne McGregor Studio. In una sala piena, a riconferma, e diciamolo chiaramente per tutti i direttori di teatri, festival e rassegne, che la danza tira, Giulia Iurza si è presentata al pubblico napoletano con un lavoro chiaro ed intenso interpretato da un gruppo di giovani danzatori portatori di una qualità  stilistica che è parte integrante della scrittura coreografica. La Iurza presenta una serie di duetti, trii alternati a momenti più collettivi che dopo la fase iniziale, in cui entriamo nel linguaggio coreografico dell’artista, sembrano ricondurre a se stessi. Il titolo, è una espressione proveniente dalla terminologia Buddista, che definisce l’unità di mente e di corpo.Un lavoro interessante, specie se pensiamo che stiamo parlando di un opera prima, portato avanti con professionalità e rigore senza per questo tralasciare l’impatto emotivo.
E’ poi la volta di Pop Up Garden, andato in scena il 25 e 26 novembre, di Stefano Questorio e Valentina Consoli per la Compagnia TPO e prodotto dal Theatre Chaillot di Parigi. Il lavoro, dedicato al poeta e botanico Gilles Clement , è uno spettacolo per bambini forse più adatto al teatro –  ragazzi ed alle matineé che proposto in un cartellone di danza serale, a riconferma di una precisa volontà di ampliare i pubblici della danza da parte delle due direttrici artistiche. Ed ancora teatro pieno. Pieno di bambini, di famiglia andate a teatro per passare una piacevole esperienza. A riconferma che la danza è per tutti. Bambini sul palco ad interagire con la tecnologia e genitori in sala, così come ci hanno abituato le più recenti esperienze di coinvolgimento del pubblico. Danza e tecnologia con sensori che catturano il movimento dei due interpreti, trasformandolo in immagini e suono accompagnati da una azione mimico – teatrale. Il vero spettacolo arriva nel finale quando i bambini entrano nello spazio scenico come frequentatori di un ipotetico giardino ottenuto con la tecnologia.
 Gabriella Stazio
Ph. Federica Capo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.